Beauty

Visualizza articoli per tag: bellezza

Sappiamo che una corretta routine di bellezza è fondamentale per il mantenimento di una pelle bella, sana e luminosa. È sempre consigliato utilizzare dei buoni prodotti detergenti e idratanti, insieme all’applicazione di una crema protettiva durante l’esposizione ai raggi solari.

 

 

Non tutti però forse sanno che l’epidermide si rigenera durante la notte; per questo motivo è possibile concentrare le cure di bellezza in quelle ore, così da nutrire la pelle con tutte le sostanze necessarie ed affrontare poi la giornata con un viso rigenerato.

 

A causa dei numerosi impegni e delle vita frenetica moderna, non sempre è possibile dedicare il tempo necessario alla skin care, ma bastano pochi prodottiche, utilizzati prima di andare a dormire, renderanno la vostra pelle invidiabile.

 

Olio detergente

Detergere il viso è il primo e fondamentale passo da compiere prima di andare a letto. Dormire con trucco, sudore o residui di impurità e polvere sulla pelle rischia di danneggiarla notevolmente.

I prodotti oleosi sono i più efficaci nel rimuovere ogni traccia di make up, perché riescono a dissolvere tutte le loro componenti, così da poterle lavare via più facilmente. Esistono diversi struccanti a base di olio reperibili in commercio, ma potete utilizzare anche un prodotto naturale, come olio di oliva o di cocco.

 

Siero facciale

I sieri per il viso contengono una concentrazione più alta di principi attivi rispetto alle normali creme. Essi aiutano a idratare la pelle, rigenerarla, eliminare rossori o macchie e a prevenire la comparsa di rughe e linee d’espressione. Scegliete il siero più adatto alle vostre esigenze e concedetevi qualche minuto, prima di andare a dormire, per massaggiarlo delicatamente su tutto il viso.

 

Crema notte

La crema notte è un altro prodotto fondamentale per una buona routine di bellezza serale ed è preferibile applicarla sempre dopo il siero. Una buona crema notte deve essere in grado di idratare adeguatamente l’epidermide e renderla, al contempo, tonica ed elastica.

Esistono diverse tipologie di creme specifiche per ogni necessità, è quindi importante optare per un prodotto che si adatti maggiormente al vostro tipo di pelle.

 

Crema contorno occhi

Uno stile di vita sbagliato o un lavoro troppo stressante possono promuovere la comparsa delle tanto odiate occhiaie o borse. Oltre a correggere le abitudini sbagliate e a prediligere un dieta bilanciata, una crema specifica per il contorno occhi è fondamentale per prendersi cura di questa delicata parte del viso. In mancanza di una crema contorno occhi, potete applicare poche gocce di olio di mandorle sulla zona, prima di mettervi a letto.

 

Crema mani

Spesso tendiamo a dimenticare di prenderci cura delle nostre mani, nonostante siano coinvolte nella maggior parte delle attività quotidiane che svolgiamo. Per questo motivo, anche loro necessitano di adeguate attenzioni. Tenete sempre una buona crema per le mani sul comodino vicino al letto e non dimenticatevi di applicarla ogni sera.

 

Maschera facciale

Le maschere facciali aiutano la pelle del viso a reintegrare i nutrienti persi durante la giornata. Per un trattamento rimpolpante, rinvigorente ed energizzante ricordatevi di utilizzare una maschera per il viso almeno due volte alla settimana. Potete sceglierle tra le numerose alternative presenti in commercio o prepararle a casa utilizzando gli ingredienti disponibili nella vostra dispensa.

 

Burro cacao

Il burro cacao è fondamentale per scongiurare le antiestetiche pellicine dovute alla scarsa idratazione. Prima di applicare il vostro prodotto, esfoliate sempre le labbra con un leggero scrub, in questo modo eliminerete tutte le cellule morte e aumenterete l’efficacia cosmetica del balsamo.

Per preparare un ottimo scrub naturale, mescolate due cucchiaini di miele e uno di zucchero di canna; massaggiate poi il composto delicatamente sulle labbra e, infine, risciacquate. In alternativa, spazzolate leggermente la superficie delle labbra con un vecchio spazzolino da denti.

Seguendo questa semplice beauty routine serale, la pelle del vostro viso rimarrà sana e giovane a lungo.

 

Pubblicato in Beauty
30 Ottobre 2017
Letto 392 volte

C’è il trucco per tutti i giorni. E poi c’è il trucco al neon. Eccessivo, vibrante, contraddittorio. E, in quanto tale, adatto a molte, ma non a tutte.

“Si tratta di una moda accessibile a giovani e giovanissime, forse meno adatta alle più agé”, distingue la truccatrice Paola Pannitti. Ciò non toglie che anche le ex-treenagers possano concedersi pennellate di colore con cui festeggiare la bella stagione. “Il segreto sta nel calibrare la quantità di colore e il punto in cui è più conveniente applicarlo".

 

 

Art director del make up brand PaolaP, Pannitti entra subito nel merito: “Chi ha perso la freschezza dei 20 anni si concentri sulle labbra: gli occhi – e le palpebre in modo particole – tradiscono l’età più del sorriso. Truccare lo sguardo con polveri o matite dai colori squillanti non farebbe che evidenziarne le imperfezioni: palpebre rilassate, espressione stanca, rughette agli angoli degli occhi. Per questo suggerisco di adottare un trucco occhi al naturale, spostando il colore sulle labbra”. La prudenza – o meglio il senso della misura – è comunque d’obbligo. “Per evitare che il prodotto scelto ‘migri’, insinuandosi nei micro solchi del contorno labbra, consiglio di privilegiare una formula non grassa. No, quindi, a gloss lucidi e/o corposi, sì a rossetti a lunga tenuta”. Non necessariamente mat, quindi, purché garanti di una resa long lasting. Solo così si avrà la certezza che il colore non si sposti e si mantenga per ore. Adatti, a questo scopo, sono i cosiddetti tingi-labbra: né rossetto né gloss, contengono pigmenti disciolti in basi acquose. Una volta applicati, la parte liquida evapora lasciando che i pigmenti si fissino alle labbra per l’intera giornata. 

 

 

Diverso il caso di giovani e giovanissime “che possono scegliere di colorare tanto la bocca quanto lo sguardo”, ribadisce Paola Pannitti. In questo secondo caso “meglio evitare di accostare ombretto azzurro a iridi azzurre, matita verde su occhi verdi e via dicendo. Il rischio è ‘spegnere’ lo sguardo”. Meglio puntare su contrapposizioni cromatiche: “il rosa shocking valorizza al meglio occhi verdi, i toni dell’arancione donano alle iridi azzurre mentre gli azzurri e i blu mettono in risalto gli occhi nocciola”.
 
Capitolo a parte spetta a ciglia e sopracciglia: “la tendenza evidenziatore non ha risparmiato neanche loro”, ammette la make up artist Pannitti, che, tuttavia, invita alla cuatela. “Un mascara colorato tenderà a nascondere anziché evidenziare. Le ciglia, quindi, sembreranno più rade e corte”. Non mancano, comunque, i prodotti con cui sperimentare: rimmel declinati nei colori più di tendenza (blu e verde in cima alla lista) o emulsioni cremose da distribuire con un pennello piatto lungo l’intera lunghezza delle ciglia o solo sulle punte. Un invito alla moderazione anche nel caso si vogliano esplorare le colorazioni per sopracciglia: un trend che Paola Pannitti suggerisce “solo alle giovanissime e abbinato a un trucco occhi all’insegna del nude”.

 

Pubblicato in Beauty
25 Giugno 2017
Letto 401 volte

Siamo rientrati dalle vacanze al mare e la fine delle ferie rischia di coincidere con la perdita della tanto faticata tintarella che rende la nostra pelle più bella e luminosa. Esistono però alcuni semplici passi che consentono di prolungare gli effetti del sole sulla pelle del corpo e del viso, uno modo naturale, sfruttando l’azione di sostante semplici e facilmente reperibili in casa. 

 

  • Il primo modo per prendersi cura della nostra pelle è seguire una buona alimentazione. Facciamo in modo che la nostra dieta preveda frutta e verdura di colore giallo-arancio, frutti rossi, preziosi antiossidanti e curativi, frutta secca ed olio di oliva, ricchi di vitamina B ed E e cerchiamo di bere almeno 2 litri di acqua al giorno, per mantenere la nostra pelle elastica e ben idratata.
  • Evitiamo di fare il bagno sopratutto a temperature troppo calde, perché il contatto prolungato con l’acqua favorisce la desquamazione. Meglio preferire la doccia, con acqua tiepida
  • Molto utile l’uso di un olio per il corpo, prima di mettersi sotto la doccia, così da creare una barriera idrolipidica adeguata, contro l’azione disidratante del calcare.
  • Mentre ci asciughiamo cerchiamo di tamponare la pelle con l’asciugamano piuttosto che sfregarla, per evitare di stressarla troppo ed agevolare la perdita del colorito.
  • Applicare quotidianamente una crema idratante, e durante il periodo di esposizione ai raggi solari un doposole specifico. 
  • evitiamo il più possibile l’uso di prodotti a base di alcool, come i profumi d esempio che rischiano di inaridire la nostra pelle. Preferiamo acque profumate e creme agli oli essenziali che mantengono inalterata l’idratazione della nostra cute. 
  • Infine, è utile approfittare degli ultimi scampoli d’estate per mantenere il colore della nostra pelle, il più a lungo possibile. Utilizziamo qualsiasi momento libero all’aria aperta per sfruttare il più possibile i raggi del sole di fine estate che stimolano positivamente la nostra melanina. Bastano infatti anche soli venti minuti trascorsi al sole per fissare e mantenere il colore ottenuto in vacanza. 
Pubblicato in Consigli
27 Agosto 2016
Letto 474 volte

Le donne sanno che il Lato B è la loro parte del corpo più sensuale, e sanno anche che piace molto agli uomini. Ecco che lottano con la ginnastica e trattamenti per avere i glutei effetto push up. Secondo l’ American Society for Aesthetic Plastic Surgery negli Usa il lifting del sedere ‘brazil butt lift’, è da qualche anno l’intervento di chirurgia estetica più in ascesa. Noi vi proponiamo dei trucchi per averlo sodo, tonico e senza cellulite senza ricorrere al bisturi e alle sue conseguenze negative. Vediamo insieme quali sono.

 

Cause del gluteo basso

Spesso il nostro lato B non ha la forma e la tonicità desiderata non solo per motivi di costituzione fisica ma per ragioni di vita quotidiana.


Quello che vi proponiamo sono dei consigli per tutte le donne che desiderano avere sia un sedere perfetto alla Kim Kardashian, sia per quelle che si ispirano alla bellezza del fondoschiena italiano della Tatangelo.

Le cause che più incidono sul rilassamento di questa zona sono la scarsa attività fisica, l’invecchiamento naturale e l'alimentazione ricca di grassi.


Quando non facciamo attività fisica c’è un rallentamento dell’ossigenazione dei tessuti e un indebolimento dellefasce muscolari di sostegno del gluteo. Anche l’altalenanza di peso (aumento e dimagrimento) contribuiscono al non perfetto lato b.

 

Scolpire e rassodare

 

La costanza nell’ attività fisica è punto fondamentale per avere un lato b da urlo. Gli esercizi possono essere fatti anche a casa se si è pigri per andare in palestra.

La palestra è più indicata perché si abbinano esercizi mirati, come squat e affondi, con un allenamento aerobico, come danza, nuoto e corsa.

Questo permette di bruciare i grassi e ridisegnare il profilo del gluteo.

Per chi è impegnato in ufficio ed è costretto a stare molto tempo seduto può seguire dei consigli per mantenere i glutei in allenamento. 

Preferire le scale all’ ascensorecamminare a piedi con andatura sostenuta per 30 minuti al giorno, approfittare delle pause per fare esercizi sulle gambe sedendosi e rialzandosi stando in piedi.

Ogni volta che facciamo le nostre attività quotidiane non dimenticate un trucco fondamentale: stringere glutei. Farlo sotto la doccia, quando si cucina, quando si fa la spesa  ogni volta che dobbiamo anche rimanere in piedi a sostare per qualche minuto o ora.

 

Pubblicato in Consigli
30 Maggio 2016
Letto 924 volte

Per acqua di rose s’intende una soluzione acquosa ottenuta dalla distillazione in corrente di vapore dei petali di rosa, durante il processo estrattivo dell’essenza. In genere, si utilizzano i petali di Rosa gallica, talvolta sostituiti da quelli di Rosa canina o Rosa damascena. In cosmesi, l’acqua di rose viene largamente impiegata comerinfrescante, tonificante, lenitivo ed astringente.

L’acqua di rose ha due punti di forza importanti: il suo profumo che emana e il suo potere astringente (ottimo trattamento per tonificare la pelle). In commercio esistono tanti prodotti all’acqua di rose, fate molta attenzione a cosa acquistate:e sistono infatti truffe e contraffazioni.

Per questo motivo in tanti preferiscono creare la propria acqua di rose direttamente a casa con ingredienti naturali e sicuri. 

 

Come preparare l’acqua di rose fai da te

 

Per essere sicuri della sua genuinità, la soluzione migliore è quella di farla in casa. Bastano, infatti, pochi ingredienti e un tempo massimo inferiore ai 40 minuti.

 

Ingredienti:

  • petali di rose (130-150 non trattati chimicamenete)
  • acqua ghiaccio in cubetti o un litro di acqua preferibilmente distillata

 

Per prima cosa riempire una pentola di acqua e immergere all’interno quanto più petali possibili.

Potate ad ebollizione l’acqua con i petali coprendola con un coperchio. 

Abbassate leggermente il fuoco e aggiungete il ghiaccio (l’equivalente di 2 o 3 vaschette), non lo metterete dentro ma solo appoggiato sull’estremità del coperchio. Così facendo si creerà una sorta di condensa: il vapore alzandosi va colpire la parte fredda.

 

A questo punto con un barattolo raccogliere le gocce attaccate alle pareti del coperchio. Ripetere l’operazione più volte fino a quando non raccoglierete mezzo litro d’acqua. Ecco la vostra acqua di rose pronta per essere inebriata.

Variante: è consigliato riunire i petali di rosa in garze o sacchetti appositi, prima di immergerli nell’acqua bollente.

 

Benefici dell’acqua di rose

L’acqua di rose è importante per tante patologie e fastidi quotidiani per i quali spesso non troviamo soluzioni. La soluzione dell’acqua di rose è quella più semplice,naturale, sicura, efficace e senza alcun effetto collaterale e nocivo per la pelle ( a meno che non siete allergici alle rose). L’acqua di rose è utile:
  • contro l’acne e brufoli
  • dermatite seborroica
  • eczema
  • psoriasi
  • allontana stress e ansia
  • disinfettante
  • purificante
  • calmante per rossori
  • lenitivo
  • impacchi per occhiaie e couperose
  • rughe

 

Nel mondo della cosmesi naturale, l’acqua di rose è l’ingrediente principale per purificare e detergere la pelle del viso: mescolando zucchero, miele e acqua di rose in parti uguali si ottiene un prodotto naturale particolarmente adatto per il peeling del viso. Il composto, dopo essere stato applicato sulla pelle e massaggiato accuratamente, va sciacquato con acqua tiepida.
 
L’acqua di rose viene usato anche negli infusi con i seguenti benefici:
  • diminuisce i sintomi mestruali
  • calma le gengive sanguinanti
  • ha la capacità di sciogliere i calcoli renali (chiedere sempre il parere di un medico)
  • combatte l’iperidrosi (sudorazione abbondante)
  • diarrea
  • faringiti
  • libera dolore mentale e scaccia ansie e paure

 

L’acqua di rose è la natura messa a servizio del benessere e della salute, mai metodo più sicuro per combattere fastidi e problemi. Per essere bella come una rosa. 
Pubblicato in Beauty
30 Maggio 2016
Letto 721 volte

I tacchi alti sono gioia e dolore per ogni donna e a lungo andare i piedi rischiano di diventare sempre più doloranti e malandati. 

Ma, così come per altre parti del corpo, anche le estremità possono “ringiovanire” grazie alla chirurgia estetica, che va a intervenire laddove ci sono segni del tempo o inestetismi.

 

La “foot surgery” consiste in piccoli interventi generalmente poco invasivi e senza particolari controindicazioni per dare sollievo a piedi stanchi, provati da troppe e troppe ore (e metri) sui tacchi o per ritrovare la freschezza e la bellezza di un tempo perchè anche i piedi dove possono comparire, così come sulle mani, delle macchie cutanee.

 

A seconda dell’entità e della natura del problema da correggere e/o risolvere esistono vari interventi: laser, peeling chimici o microdermoabrasione per migliorare l’aspetto e l’idratazione della pelle grazie a vitamine ed aminoacidi che eliminano lo strato cutaneo superficiale e allo stesso tempo stimolano la produzione di collagene ed elastina.

 

 

I filler a base di acido ialuronico (filler foot) sono invece delle micro iniezioni di acido ialuronico per riempire piedi troppo ossuti e scarni o per rimodellare i talloni provati dalle scarpe alte. I filler non sono certo una novità, essendo un trattamento molto diffuso in chirurgia estetica per riempire rughe e migliorare l’aspetto di cicatrici e di alcuni inestetismi ma anche per ridisegnare la silhouette (ingrandire polpacci e glutei).

 

 

L’acido ialuronico iniettato con il filler foot permette di creare una sorta di cuscinetto “artificiale” in grado di ammortizzare il dolore e di alleviare il carico del peso su tallone, metatarso e dita dei piedi; non si tratta di un intervento che va a stravolgere la natura del piede che è già dotato naturalmente di cuscinetti con questa funzione ma che con il passare del tempo tendono ad assottigliarsi, a non ammortizzare a sufficienza e, di conseguenza, provocano dolore (in alcuni casi invalidante).

 

 

I filler foot sono a base di acido ialuronico macromolecolare, gelatinoso e abbastanza compatto, biodegradabile con una durata di circa due anni; il trattamento si esegue in anestesia locale, non è per nulla invasivo e , a parte evitare di svolgere attività fisica intensa nelle 6 ore successive, non richiede particolari accorgimenti. 

 

 

Pubblicato in Beauty
21 Marzo 2016
Letto 664 volte

La buccia d’arancia proprio non se ne va e la bella stagione sembra essere precocemente alle porte. La voglia di fare sport, di muoverci, di stare all’aria aperta e di rimetterci in forma c’è: perché non approfittare e scegliere proprio l’attività fisica che ci permetterebbe di sciogliere o migliorare la nostra cellulite?

 

Ecco gli sport più efficaci per rimodellare la silhouette, diventando più tonica e riducendo la cellulite, visto che si incrementa il dispendio energetico del metabolismo basale.

 

Innanzitutto, “muoversi” significa non solo fare sport ma anche fare movimenti ogni giorno, durante tutto l’arco della giornata, ad esempio già fare le scale, camminare, utilizzare la bicicletta per spostarsi o la scopa al posto dell’aspirapolvere per pulire sono delle forme di movimento.

Per combattere la cellulite esistono però delle attività fisiche più adatte perchè vanno ad intervenire proprio nelle zone critiche.

 

Il nuoto consente di sollecitare i muscoli del busto, delle gambe e delle braccia in modo costante e di migliorare la circolazione sanguigna totale; tenendo un buon ritmo si riescono a bruciare dalle 200 alle 500 kcal ed il sovrappeso non è comunque un problema o un ostacolo a questo sport, in quanto l’acqua rende il proprio corpo più leggero dell’80%! 

L’acqua produrrà un effetto massaggio linfatico ed anche la spiacevole sensazione di avere le gambe pesanti scomparirà. Cominciate con 2 sedute a settimana di 30 minuti cercando di fare 500 metri; cambiate pure stile e pian piano, migliorando resistenza e respirazione, riuscirete ad aumentare anche le distanze effettuate.

Se utilizzate le mini pinne per nuotare i risultati saranno migliori perché i muscoli lavorano sott’acqua e il movimento e massaggio vanno proprio ad agire sui glutei, sulle cosce e sulla ritenzione idrica. Se si ha la fortuna di vivere al mare, ovviamente è meglio indossare le pinne (le mini pinne sono consentite in piscina).

 

L’acquagym consente di fare ginnastica a ritmo di musica, in gruppo, divertendosi e mentre l’acqua massaggia tutto il corpo. E’ un’attività molto efficace e in un’ora fa perdere circa 400 kcal poiché va ad agire su molti muscoli che solitamente non si utilizzano, nonché tonifica gli addominali. Sarebbe ideale seguire 2 o 3 lezioni a settimana, da 45 minuti ciascuna per ottenere visibili risultati, soprattutto di rimodellamento delle linee corporee.

 

L’hydrobike è lo spinning in acqua (viene anche denominato acquabiking) e permette di rassodare sia le cosce che le braccia. E’ uno sport completo, ottimo se si vogliono ottenere risultati in poco tempo e perfetto per chi ha problemi di peso o di circolazione, con molta cellulite annessa. In un’ora si bruciano 700 kcal ed anche il sistema cardiorespiratorio ha notevoli benefici: seguite sempre 2 a 3 sedute a settimana di 45 minuti ciascuna.

La camminata a passo sostenuto accelera il metabolismo e spinge il corpo a produrre endorfine, ossia a ridurre lo stress e a migliorare il proprio status di salute. Ovviamente, si tonificano le gambe, il sistema cariorespiratorio migliora e si perdono circa 400 kcal/ora.

 

Il nordic walking è sicuramente per anime più avventurose: è il camminare con i bastoncini, simile allo sci di fondo, che muove e scolpisce tutti muscoli del corpo e fa bruciare tantissime calorie (600 kcal/ora), migliorando la respirazione. I bastoni vengono utilizzati per bilanciare lo sforzo omogeneamente su tutto il corpo e per liberare le tensioni muscolari delle spalle e della nuca. Iniziando con 2 sedute alla settimana da 45 minuti si prenderà confidenza con questo sport e si può poi aumentare la frequenza ed intensità, grazie all’allenamento svolto.

 

Se amate la palestra invece, aggiungete ai consueti squat, affondi e vari macchinari, un allenamento aerobico almeno due volte alla settimana (bike, corsa, camminata in salita, etc), che serve a bruciare grassi e calorie al fine di combattere la cellulite.

Pubblicato in Beauty
23 Febbraio 2016
Letto 1197 volte

L’aspetto delle unghie al naturale, senza smalti e gel che mascherano la verità, spesso è uno specchio della propria salute generale. La presenza di macchie, striature o l’eccessiva debolezza che porta le unghie a spezzarsi o sfaldarsi può essere infatti il sintomo di qualche patologia.

 

Lo sfaldamento dell’unghia si verifica quando l’unghia si sfoglia, diventando sempre più fragile e con il bordo libero frastagliato. Le cause di questo fenomeno possono essere varie, delle volte combinate tra di loro: alimentazione, micosi, stress e l’uso di prodotti aggressivi o scadenti (smalto, detersivi) sono le più comuni.

 

Un'altra causa, può essere la carenza di alcuni nutrienti, in particolare calcio e vitamina A e B. Questo influenza negativamente la salute delle unghie, rendendole più deboli e soggette a sfaldarsi ma la fragilità delle unghie può essere anche la spia di anemia, disidratazione, intolleranza al glutine e problemi alla tiroide (se troppo morbide). Ovviamente, la conferma di questi sospetti, deve essere data dal medico curante. 

 

La presenza di micosi e altre infezioni causate da funghi contribuisce alla debolezza delle unghie che in questi casi, oltre a sfaldarsi, generalmente cambiano colore (si ingialliscono) e aspetto; la sfogliatura dell’unghia può essere anche la conseguenza di un evento traumatico o della cattiva abitudine di mangiucchiarle con i denti.

 

Utilizzare prodotti troppo aggressivi, a lungo andare, peggiora l’aspetto e la salute delle unghie quindi è bene sempre indossare i guanti durante le pulizie di casa per evitare il contatto con i detersivi o un “ammollo” in acqua; anche l’uso di smalti e solventi di scarsa qualità, generalmente aggressivi e dal ph troppo acido, danneggia le unghie.

 

Da non sottovalutare infine lo stress che ha una cattiva influenza sulla nostra salute: così come i capelli possono cadere anche le unghie vengono indebolite.

 

Rimedi per le unghie che si sfaldano

Le unghie che si sfaldano si possono prevenire con dei semplici accorgimenti, inserendo nella propria dieta alimenti ricchi di calcio, zinco e vitamina A e B6 o, in alternativa e su consiglio medico, ricorrere a degli integratori alimentari che rinforzano le unghie, il tutto senza dimenticare i guanti durante le pulizia di casa escegliendo con cura  prodotti di qualità per la manicure.

 

Se purtroppo le unghie si sono già indebolite e sfaldate esistono dei rimedi naturali da lungo tempo utilizzati per rinforzarle, ad esempio massaggiandole con qualche goccia di olio extravergine, di limone(ha anche un effetto schiarente) o di olio di mandorle dolci; gli stessi ingredienti possono essere anche utilizzati per un impacco.

 

 

 
Pubblicato in Beauty
23 Febbraio 2016
Letto 715 volte

Difficili da snellire e tonificare, ecco i consigli giusti per avere delle braccia da scoprire in tempo per l’estate.

 

Ci siamo, da qualche giorno ormai maniche corte, canottierine e camicette smanicate hanno preso il sopravvento.

Ma, niente paura: siamo ancora in tempo per riconquistare una buona forma.

Tra le zone del corpo che per la maggior parte delle donne è necessario modellare, troviamo le braccia: non appena si mette su qualche chilo o si lascia la palestra, ecco che la parte alta delle braccia lievita mostrando ritenzione idrica.

Per le donne magre invece questa parte del corpo prende un aspetto cadente.

Come fare? 

Risulta fondamentale agire alla fonte del problema e capire se siamo di fronte ad adipe in eccesso e ritenzione idrica oppure a mancanza di tonicità.

Per avere braccia belle e magre, è fondamentale agire su due fronti: tonificazione e smaltimento del grasso in eccesso. Perché questa strategia sia possibile, l'approccio deve comprendere una dieta ad hoc, un programma fitness completo e mirato al raggiungimento di muscoli definiti e tonici e, perché no, un aiuto di DCD TUSCOLANO.

 

La dieta quotidiana consigliata dovrebbe tenersi alla larga da zuccheri, carboidrati raffinati e grassi mentre l'attività fisica dovrebbe essere costituita da un mix di lavoro aerobico (per bruciare calorie e riattivare il metabolismo) sia una tonificazione localizzata con pesi e attrezzi rimodellanti.

 

 

Pesce e carne bianca per muscoli definiti

La dieta ideale per snellire e rassodare le braccia, punta sull’apporto proteico (con meno grassi possibili). Dunque, le proteine ideali per un programma snellente e tonificante, sono quelle di carne bianca (pollo, tacchino) e pesce.

Gli aminoacidi, infatti, agiscono da costruttori e aiutano a modellare le fasce muscolari, potenziando i risultati ottenuti con l'attività fisica. Inoltre, in caso di sovrappeso e di ritenzione idrica, inserire questi cibi ai pasti principali permette di raggiungere più velocemente il peso forma abbassando l'indice glicemico degli alimenti ingeriti. Per ciò che riguarda la carne, meglio la varietà bianca: ha meno grassi e crea meno depositi in fegato e intestino.

Invece, via libera a tutti i tipi di pesce: anche quelli grassi (salmone, sgombro), infatti, sono buoni con salute e linea, grazie agli omega 3.

Cibi vietati? Zuccheri, carboidrati raffinati (pane e pasta bianchi), prodotti industriali (merendine, biscotti, piatti pronti), cibi in scatola (saturi di sale), salumi e alcol. E le uova? Due volte alla settimana è la frequenza perfetta per frittate (al forno) e uova sode o alla coque, più volte se si opta per omelette di soli albumi (peraltro la parte più proteica e meno grassa dell'uovo).

Fondamentale è anche aumentare l'apporto idrico, bevendo almeno due litri di acqua al giorno e tisane depurative (tarassaco, bardana, cardo mariano, mate, tè verde).

Se proprio si sente la necessità di un aperitivo all'aria aperta con gli amici, scegliere succo di pomodoro, di carota o una bella spremuta d'arancia, accompagnando il tutto con un pezzetto di grana padano, bresaola (unico salume concesso) e pinzimonio di verdure crude (un pieno di vitamine e fibre).

 

 

Racchette e via, non serve la neve!

Un'alternativa divertente ed efficace alla solita palestra, il nordic walking: perfetto per le prime giornate di sole e di clima tiepido. Infatti, il nome non deve ingannare, per praticare questo sport non è necessario trovarsi in montagna e neppure in mezzo alla neve. Si tratta di una camminata rapida e ritmica (sia in salita sia in piano), con l'ausilio di bastoni simili a quelli dello sci di fondo. Per praticare nordic walking bastano uno spazio verde (anche un parco cittadino), un paio di scarpe adatte (quelle per correre sono perfette) e un paio di racchette tipo quelle da sci. La camminata è rapida ma non così tanto da affannare il respiro, mentre le braccia si muovono coordinate, aiutate dall'appoggio dei bastoncini.

Il nordic walking è meglio della corsa perché evita di sollecitare eccessivamente ginocchia e caviglie, soprattutto se si è principianti o ci si accosta all'attività fisica per perdere peso. Inoltre, c'è un particolare da non trascurare: è divertente, ancor di più se praticato in compagnia di persone piacevoli e può accompagnare alla scoperta di angoli verdi nascosti anche nelle grandi città.

Il movimento aerobico a basso impatto e prolungato, fa sì che si consumino calorie e che si brucino i grassi. In più, le braccia e le spalle si tonificano senza ingrossarsi. Unica avvertenza: praticarlo per almeno 30-40 minuti consecutivi, con costanza 2-3 volte a settimana.

E se non potete fare a meno della palestra oppure il meteo è tiranno, una simulazione del nordic walking si può ottenere anche con l'ellittica, attrezzo che solitamente si trova nella zona aerobica insieme a cyclette e tapis roulant. L'ellittica, infatti, permette di allenare simultaneamente e ritmicamente sia le gambe sia le braccia.

 

Danza per braccia affusolate e umore al top 

A volte si pensa, erroneamente, che la danza sia una disciplina riservata alle ballerine professioniste, alle donne magre o alle bambine. Invece, ballare è una delle attività migliori per perdere peso, divertendosi e rilassandosi. Vera e propria terapia contro depressione e ansia, la danza si può praticare a qualsiasi età: che sia contemporanea, classica, latinoamericana o tip-tap, poco importa. Ciò che conta è lasciarsi andare e ballare.

Per braccia affusolate ed eleganti, la danza classica e il flamenco sono le discipline migliori. Le posizioni del balletto classico (i pas de bras), che siano alla sbarra o a terra, obbligano spalle e collo a stare dritti e, di conseguenza, le braccia fanno un esercizio  incredibile e senza ausilio di pesi.

Lo stesso accade nel flamenco, arte in cui il movimento delle braccia veicola l'intera danza ed esalta femminilità e seduzione (con notevole rialzo dell'autostima come effetto collaterale).

La danza classica in età adulta si può praticare in qualsiasi scuola di danza e, in alcuni casi, anche nelle palestre: scarpette, body e musiche magiche faranno tornare bambine-principesse per qualche ora a settimana. E le braccia saranno non solo più snelle e toniche ma anche più aggraziate e femminili: il top con gli abiti a tunica e i tubini estivi.

 

 

Pesi sì, ma leggeri!

Per ottenere braccia rassodate e affusolate, i pesi sono una soluzione. I classici esercizi per tonificare i bicipiti (parte alta dei braccio) prevedono solitamente 3 serie di ripetizioni da 20, per braccio.

Questo tipo di ginnastica tonificante si può eseguire anche a casa ma deve essere per forza abbinata a un'attività aerobica costante se il problema-braccia è associato ad adipe. Sollevare pesi, senza dieta e senza sforzo aerobico prolungato, non porterà ad avere braccia più snelle. Si tratta dello stesso discorso che vale per l'addome: se si ha la pancia, non bastano gli addominali ma serve, invece, soprattutto un'appropriata attività aerobica bruciagrassi.

Gli esercizi per le braccia con i pesi sono più efficaci se si sollevano al massimo 1-2 chili per braccio e se il movimento viene praticato con lentezza consapevole, ovvero pensando allo sforzo che sta compiendo il muscolo e mantenendo una corretta postura di spalle e collo. Se si sollevano pesi eccessivi, infatti, c'è il rischio di incurvare la colonna vertebrale, incassando il collo e non ottenendo il risultato desiderato.

Le classiche bottiglie dell'acqua (da 0,5 litri a 1 litro) o i pesi più piccoli da 0,5 kg-1 kg sono la scelta ottimale per un allenamento classico.

 

 

Dopo pesi o gym, d'obbligo distendere i muscoli

Quando si tonificano le braccia, che si usino pesi o meno, i muscoli si contraggono in un lavoro di sforzo e rassodamento. All'inizio e alla fine di qualsiasi tipo di esercizio o allenamento, è però fondamentale praticare un po' di stretching.

Non soltanto per smaltire l'acido lattico in eccesso ed evitare contratture o dolori, ma anche per favorire l'allungamento del muscolo e far prendere alle braccia la forma tanto desiderata: femminile e morbida. Infatti, a meno che non si desiderino muscoli stile Madonna, le braccia più ammirate sono quelle sì magre e toniche ma comunque sensuali e femminili.

Quindi, basterà qualche semplice esercizio a corpo libero, di allungamento di collo e braccia, per distendere perfettamente il muscolo dopo averlo esercitato a dovere.

Ottimi risultati, che oltretutto uniscono allungamento e bonificazione, si ottengono con l'elastico (reperibile a costi irrisori in qualsiasi negozio sportivo). Un altro ausilio molto casalingo è il bastone della scopa: perfetto per eseguire torsioni con il busto: allenando e allungando, così, spalle, braccia e schiena insieme.

Pubblicato in Beauty
3 Giugno 2015
Letto 1014 volte

La medicina estetica fa meno paura. Il 65% delle italiane non ci rinuncia  nonostante la crisi economica.

La medicina estetica piace sempre di più. I trattamenti proposti non sono troppo invasivi, assicurano dei buoni risultati e i costi sono controllati.

 

La crescita è confermata anche dai dati eleborati dal Collegio Italiano delle Società Scientifiche di medicina estetica: i più richiesti sono i trattamenti anti-aging,, come: rivitalizzazione, filler (+24%), tossina botilinica (+15,6) e laser, che nei pazienti ultra cinquantenni arriva fino al 38% delle richieste.

La richiesta di bellezza non è solo un fenomeno italiano, anche negli usa il filler resta il trattamento più richiesto (28%), seguito dal botox (25%). Il primato perà spetta all’Oriente e al Medio Oriente dove il ricorso al filler tocca quote, rispettivamente, del 38% e del 35%, seguono poi le popolazioni latine dell’America del Sud (32%) e dell’Europa Mediterranea (30%).

 

Il botox fa meno paura

Le  “frozen face” non sono più di moda, la maggior parte delle persone vuole correzioni naturali, il cosidetto effetto “fresh touch”. Il botox è stato uno dei principali responsabili di quell’effetto di immonilismo che ha rovinato diverse celebrità. Vedi Nicole Kidman, Demi Moore, l’irriconosibile Ornella muti. Tra gli uomini: Simon Cowell, Ray Liotta e Steve Martin, ma la lista dei divi vittime del botox è molto lunga.

Detto questo, aggiungiamo che il botox è un trattamento sicuro e la conferma è venuta da oltre 133 studi condotti per 14 anni. L’importante è il modo e la quantità che si inietta e soptrattutto la competenza del medico.

 

Da ricordare che il botox non crea volume, ma distende le rughe quasi come un ferro da stiro. Le sue applicazioni sono per le rughe del pensatore (quelle sulla fronte) e i solchi glabellari.

 

Due anni fa è entrata in commercio la tossina botulinica di seconda generazione, Azzulare, con diversi plus: l’effetto si vede dopo 24 ore rispetto ai 4-5 giorni del precedente, la sua durata è oltre 5 mesi contro i normali 3-.4 mesi e distende i solchi mantenendo un’espressività naturale.

 

Oggi la gamma dei filler è molto vasta”, dice Marco Papagni, specialista in chirurgia plastica e riscotruttiva presso il poliambilatorio Pental Medic Center di Milano. “Esistono acidi ialuronici creati per dare solo idratazione alle labbra, altri per aumentare il volume oppure per riempire le rughe del contorno e ancora per rimpolpare le zone depresse. Ogni tipo di ritocco e di zona ha il suo filler specifico.”

 

Quali filler?

Ecco una breve lista , sui filler più usati.

 

Restylane Refresh Lips: è la new entry, specifica per la mucosa delle labbra molto meno densa degli strati cutani della pelle. Assicura un risultato naturale, le labbra diventano piene con un effetto gloss. Inoltre previene l’aging, facilita gli scambi cellulari e combatte i radicali liberi. Ha una durata di 5 – 6 mesi.

 

Glytone: viene chiamato filler “dolce” perché contiene mannitolo, uno zucchero naturale. Attenua le rughe dall’interno grazie all’acido ialuronico in forma reticolata, che permette un riempimento immediato, e la forma non reticolata che stimola la sintesi di nuovo collagene. Ha tre diverse formulazioni, anche una specifica per le rughe maschili e dura circa nove mesi.

 

Juvederm Voluma: La formula a base di acido jaluronico ad alto peso molecolare è indicata per aumentare gli zigomi e il mento e non le semplici rughette. Può essere un’alternativa alla lipostruttura per la pienezza del risultato che può durare fino a un anno e mezzo.

 

Teosyal: Arriva dalla Svizzera ed inclide otto differenti prodotti tutti a base di acido ialuronico di derivazione non animale. Si tratta di filler non permanenti dalla elevata biocompatibilità. Che consentono di ottenere risultati particolarmente naturali per la correzione delle rughe superficiali e profonde, l’ingrandimento delle labbra, il rimodellamento dei contorni del viso e per il ringiovanimento cutaneo. Come per ogni filler a base di acido ialuronico l’effetto ottenuto ha una dirata di circa 8-12 mesi, ed il trattamento va ripetuto per mantenere dei risultati costanti.

 

Laser antiaging: Il laser frazionale è l’ultima innovazione per trattare l’invecchiamento della pelle. E’ indicato per la riduzione rughe e piccoli segni, assicura un effetto lifting immediato e un miglioramento del tono e dei tessuti.

Uno dei più efficaci è il Fraxel. Il ragio laser produce migliaia di micro cilindri che penetrano nel derma, questi micro spot stimolano il collagene e l’elastina, pilastri della pelle. Questo trattamento “ frazionale” permette alla pelle di guarire più velocemente di quanto non lof arebbe se tutta la zona fosse trattata internamente.

I risultati sono sorprendenti: i tessuti con macchie, rughe, e le cicatrici da acne vengono progressivamente sostituiti da altri più giovani e sani.

 

Volete prenotare anche voi il vostro trattamento? Prenotate un’appuntamento con il nostro medico estetico allo 06 7696 8250!

 

Pubblicato in Beauty
30 Gennaio 2015
Letto 2392 volte
Pagina 1 di 3

Promozioni

  • 20% di sconto

    Settembre è il mese giusto per cominciare a prenderti cura di te!

    20% di sconto sull’acquisto di un pacchetto da 20 sedute di Electrosculpture!

    Nel mese di Settembre se paghi in un’unica soluzione 4 mesi di mantenimento in regalo (equivalenti a 8 sedute di Electrosculpture)!

    Offerta valida fino al 30/9/2019
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
Chiamaci

per conoscere costi e offerte

riservati a te
06 7696 8250
Lun/Ven 8:30 - 20:00 | Sab 9:00 - 17:00
Dottoressa in sede per un consulto gratuito!
Lun e Mer 14:00 - 19:00 | Ven 9:00 - 19:00
Via Statilio Tauro, 9
00175 Roma
Lun - Ven 8.30 - 20.00
Sab 9.00 - 17.00
info@dcdtuscolano.it
06 7696 8250
06 7140 845
+39 392 515 2973
PARCHEGGIO
CONVENZIONATO
Via Emilio Lepido, 18
Via Tuscolana, 857
FINANZIAMENTI
Fino a 24 mesi

dcd-centriestetici-bn