Alimentazione

Visualizza articoli per tag: storia degli alimenti

Alta, alla napoletana, o bassa, alla romana.

Semplicissima, con pomodoro e origano, o sovraccarica di ingredienti, dall'uovo al prosciutto, alle verdure, ai frutti di mare. Cotta nel classico forno a legna o surgelata e riscaldata nel microonde. A taglio o tonda, da asporto o consumata in vecchi locali storici con le tovaglie di carta. Italiana per antonomasia. Tanto da conservare il proprio nome in tutto il mondo; dall'America al Giappone, c'è un solo modo di pronunciarla: pizza. Nata come cibo povero, realizzabile con pochi essenziali ingredienti, oggi la pizza presenta tante e tali varianti da rappresentare un pasto completo e perfettamente equilibrato. La vera ambasciatrice dell'Italia nel mondo ha una storia antica, che parte dalle focacce di farro in epoca pre-cristiana; ha attraversato epoche e continenti, ha resistito a guerre di gourmet e invasioni di cucine etniche, e ormai ha conquistato, pacificamente, tutto il mondo.

 

 

La storia

 

Un'antenata della pizza era probabilmente già diffusa in epoca etrusca. I Romani usavano preparare focacce di farro chiamate libum, ma già Virgilio, l'autore dell'Eneide, descrive la preparazione di focacce rotonde realizzate con farina di frumento, acqua, erbe aromatiche e sale. Attorno al 1500 a Venezia si preparava un impasto sottile a base di uova, burro e zucchero che veniva cotto nel forno. Con la scoperta dell'America venivano importati in Europa alimenti fino a quel momento totalmente sconosciuti nel vecchio continente, tra cui il pomodoro, destinato a diventare un ingrediente fondamentale per la pizza, solo a partire dal 1700, a Napoli. Fino a quel momento nel Sud Italia era molto diffusa, almeno dal 1600, una schiacciata di farina di frumento condita con diversi ingredienti come lo strutto, poi sostituito dall'olio di oliva, il formaggio e erbe aromatiche come basilico e origano. La pizza al basilico era anche detta pizza alla mastunicola, e, insieme alla pizza coi cicinielli, pesciolini piccolissimi, è la più antica di cui si tramanda la ricetta. Dalla seconda metà del '700, oltre al pomodoro, i partenopei iniziarono ad aggiungere alla pizza anche la mozzarella di bufala. La prima ricetta di pizza napoletana pressoché identica a quella che si conosce oggi risale alla metà del 1800.

La pizza è citata in innumerevoli canzoni, poesie e romanzi, fin dai tempi antichi. Se Virgilio in una delle sue opere citava le tecniche di preparazione dell'antenata romana della pizza, una delle prime "apparizioni letterarie" della versione attuale della pizza risale al Seicento, in un'opera napoletana, il Cunto de li Cunti, che raccoglie vari racconti fra cui uno intitolato "Le due pizzelle", in cui si parla di un alimento fatto da un disco di pasta con un ripieno. Dumas padre, celebre romanziere de "I tre moschettieri" ma anche prolifico autore di letteratura di viaggio, alla pizza ha dedicato appunti, informazioni precise e acute osservazioni. Oltre a elencare i tipi di pizza più in voga nella sua epoca: all'olio, al lardo, alla sugna, al formaggio, al pomodoro, ai pesciolini. In "Usi e costumi di Napoli" di De Boucard, della metà del XIX secolo, si legge la prima ricetta della pizza e si citano le varietà più in uso: quella con aglio, olio, origano e sale; con formaggio grattugiato, strutto, basilico; con pesce minuto; con mozzarella, con prosciutto, arselle; e con il pomodoro.

 

Storia della pizza Margherita

 

Una storia diventata quasi leggenda. L'estate del 1889 il re Umberto I e la regina Margherita soggiornarono a Napoli, nella reggia di Capodimonte. La regina, incuriosita dalla pizza, che non aveva mai assaggiato ma di cui aveva sentito parlare, fece chiamare a corte uno dei pizzaioli più celebri del tempo, che, accompagnato dalla moglie, preparò una pizza con sugna, formaggio e basilico; una con aglio, olio e pomodoro e una con mozzarella, pomodoro e basilico, cioè con i colori della bandiera italiana, che piacque particolarmente alla regina. E alla quale quindi il pizzaiolo, Don Raffaele, decise di dare il nome Margherita. Ma questo tipo di pizza non fu inventato per l'occasione, come spesso si sente dire; esisteva già, tanto che era particolarmente amato da un'altra regina, la borbonica Maria Carolina.

 

Ricetta

 

Alcuni accorgimenti per la scelta degli ingredienti principali: la farina più indicata è di tipo doppio zero, perché è più lavorabile e l'impasto risulta più soffice ed elastico. L'acqua deve essere potabile e avere una temperatura costante compresa tra 6 e 12 gradi. L'olio va aggiunto verso la fine, quando l'impasto è quasi pronto. Il segreto per una buona pizza è l'alta temperatura di cottura.

 

Ingredienti necessari per l'impasto:

  • 1 kg di farina
  • un panetto di lievito di birra
  • 500 ml di acqua tiepida
  • 2 cucchiai d'olio
  • 2 cucchiaini di sale

Disporre la farina sul tavolo di legno o su un piano di marmo e aggiungere l'acqua un poco alla volta, il lievito e gli altri ingredienti. Lavorare la pasta con le mani finché non raggiunge una consistenza morbida ed elastica. Formare una palla uniforme, infarinare, coprire con un panno umido e lasciare lievitare finché non raddoppia di volume (circa 2-3 ore). Quindi infarinare il piano di lavoro, stendere la pasta e schiacciarla con il mattarello dando la forma che si desidera, rotonda o rettangolare, spessa non più di mezzo centimetro. Bucherellare leggermente la superficie prima di infornare. Nel forno di casa, che non raggiunge alte temperature, la pizza richiede una cottura tra i 20 e i 30 minuti a una temperatura di 250 gradi. A una temperatura di 300-350 gradi invece sono sufficienti 10 minuti di cottura. È preferibile farla cuocere col solo pomodoro per i primi 15 minuti e poi aggiungere la mozzarella e altri ingredienti a piacere.

 

 

Pubblicato in Alimentazione
7 Agosto 2017
Letto 464 volte

Si dice che dopo molti anni dalla creazione del mondo, qualcuno accortosi che mancava qualche cosa ha inventato la pasta: "Solo ora l'opera poteva dirsi perfettamente compiuta".

 

Non siamo, enfasi a parte, distanti dal vero, se con questa espressione si vuole sottolineare l'appartenenza della pasta alle cose più belle, più buone e più benefiche del mondo, anche per questo la pasta è una costante della dieta CADN proposta da DCD Tuscolano.

 

 

Per quanto, invece, riguarda la rapidità dell'invenzione, sappiamo che le cose sono andate un poì più per le lunghe: "l'invenzione della pasta" è parte di un processo molto lungo che ha portato soltanto nel secolo scorso al trionfo popolare di questo alimento; un trionfo che dall'Italia gradualmente si è esteso a tutto il mondo. 

 

La produzione di massa della pasta è cominciata nell'ottocento, in quegli anni, la passione per essa dilaga al punto che i maccheroni vengono cotti all'aperto dagli ambulanti (i maccaronai) e mangiati per strada.

 

Il regno della pasta è la Sicilia, intorno all'anno Mille.

Qui, nel granaio d'Europa, dal fecondo e incessante scambio con la cultura araba e di tutta l'area mediterranea, nasce la moderna tecnica di produzione della pasta; e soprattutto s'inventa quel modo di prepararla e "viverla" nella dieta quotidiana che è ancora il nostro. Ci vorrà, come abbiamo visto, ancora del tempo prima che la pasta da prodotto di élite diventi consumo universale; ma ora la strada è veramente aperta.

 

Manca, in questa rapida carrellata una tappa fondamentale. L'incontro tra la pasta e il pomodoro. Quest'ultimo era giunto da molto lontano, dall'America, in seguito ai viaggi di Colombo. E per lungo tempo aveva condotto un vita stentata e piuttosto marginale; alcuni botanici tedeschi lo ritenevano addirittura una pianta tossica. In Italia veniva mangiato soltanto in insalata, condito con sale, pepe e olio, insieme ai cetrioli. 

 

Finalmente, nell'Ottocento, secolo cruciale per il nostro destino alimentare, il colpo di genio dei napoletani, che cominciano a condire gli spaghetti con la salsa di pomodoro. 

E' la svolta: la salsa di pomodoro ( 'a pummarola) dà alla pasta un sapore ed un colore che conquistano il mondo. Una porzione di gr. 80 di pasta al pomodoro può essere inserita in una dieta anche ipocalorica, a patto che nel pasto non vengano altri alimenti ricchi di carboidrati. Una recente novità è la pasta biologica.

 

A voi non è venuta fame? Che dite, ci facciamo una spaghettata?

Pubblicato in Alimentazione
25 Luglio 2015
Letto 717 volte

Promozioni

  • 20% di sconto

    Perdi due taglie in 40 giorni! La prova costume è alle porte e tu sei ancora in tempo!

    20% di sconto sull’acquisto di un pacchetto da 20 sedute di Electrosculpture!

    Nel mese di Maggio se paghi in un’unica soluzione 2 mesi di mantenimento in regalo (4 sedute di Electrosculpture)!

    Offerta valida fino al 31/5/2019
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
Chiamaci

per conoscere costi e offerte

riservati a te
06 7696 8250
Lun/Ven 8:30 - 20:00 | Sab 9:00 - 17:00
Dottoressa in sede per un consulto gratuito!
Lun e Mer 14:00 - 19:00 | Ven 9:00 - 19:00
Via Statilio Tauro, 9
00175 Roma
Lun - Ven 8.30 - 20.00
Sab 9.00 - 17.00
info@dcdtuscolano.it
06 7696 8250
06 7140 845
+39 392 528 6103
PARCHEGGIO
CONVENZIONATO
Via Emilio Lepido, 18
Via Tuscolana, 857
FINANZIAMENTI
Fino a 24 mesi

dcd-centriestetici-bn